Arca Azzurra Teatro
Astiteatro 29
Centro Servizi Culturali Santa Chiara di Trento
presentano

LA MALEDIZIONE DEL CERVO
di Murathan Mungan

con
GIULIANA COLZI
ANDREA COSTAGLI
DIMITRI FROSALI
MASSIMO SALVIANTI
LUCIA SOCCI

regia
Riccardo Sottili

con la collaborazione della Compagnia L'Asina sull'Isola di Paolo Valli e Katarina Janoskova

Un autore turco molto noto in patria, un testo splendido, immenso, fantastico, ricchissimo, denso di storie, emozioni, magia. La saga di una famiglia - quattro generazioni - per un racconto che ha echi da "Le mille e una notte", che parla del tempo favoloso di "Bey", capi di una tribý nomade che decide di fermarsi, di diventare stanziale, del luogo scelto per questo, dei cervi scacciati dal loro territorio, della loro maledizione che porta alla dissoluzione di palazzi e di tante vite. Un testo-fiume con un andamento fatto di scarti temporali dove le generazioni si mischiano in un presente sfuggente che Ť il sempre del racconto e di chi lo sa ascoltare.
In primo piano cinque attori-narratori, che alternano il discorso diretto, interpretazioni di larghi passi del testo, parti recitate in terza persona per ricomporre la trama del racconto, scomposta e rielaborata nella necessaria riduzione. Dietro gli attori lo schermo delle ombre e dei colori del racconto a suggerire la meraviglia dei luoghi insieme alla forza degli avvenimenti: il bosco, la tenda, il palazzo ma anche l'asprezza della lotta, il languore dell'amore, la magia che trasforma, imprigiona, libera, uccide. Un alternarsi di immagini affidate alla compagnia L'Asina sull'Isola che accompagna costantemente l'azione e la parola degli interpreti con un ruolo da protagonista.
Massimo Salvianti