Compagnia Mauri Sturno
presenta

FAUST
di J.W. Goethe
traduzione di Dario Del Corno
riduzione e versione teatrale di Dario Del Corno e Glauco Mauri

con
GLAUCO MAURI
ROBERTO STURNO

regia
Glauco Mauri

scene MAURO CAROSI
costumi ODETTE NICOLETTI
musiche GERMANO MAZZOCCHETTI


"Il mio Faust è un grande gioco molto serio" così scriveva Goethe in una delle sue ultime lettere, pochi giorni prima di morire, al suo amico Von Humboldt che gli chiedeva che cosa fosse in definitiva questo Faust. La sua geniale ironia, sempre presente anche nelle opere più drammatiche, nel Faust anima di poetica leggerezza anche i momenti più misteriosi del cammino dell'uomo. Goethe nella sua infanzia restò profondamente affascinato da una rappresentazione di marionette che raccontava la straordinaria storia del Dottor Faust, mago e scienziato già allora molto noto nella tradizione popolare che per desiderio di onnipotenza stipulava un patto con il diavolo firmando con il proprio sangue la sua rovina. La leggenda di Faust e il teatro delle marionette furono per il fanciullo Goethe una indimenticabile emozione che il futuro grande poeta racchiuse dentro il suo cuore come una feconda memoria per tutta la sua lunga vita. Forse è anche per questa feconda memoria, che il suo Faust, pur nella sua maestosa complessità, ha l'inventiva e la gioiosa fantasia di un grande gioco…e questo vogliamo comunicare con il nostro lavoro. Come dice Goethe "gioco pieno di fantasia, ragione, intelligenza, sentimento, passione…ma dove anche la pazzia dovrà far sentire la sua voce." Così attraverso il fantastico viaggio di Faust inoltriamoci a scoprire quella "cosa" imprevedibile a volte tragica a volte grottesca che è la vita.