RBR Dance Company
diretta da Cristiano Fagioli e Cristina Ledri
presenta



ABYSS
musiche di Josè Padilla, Frederick Rousseau,
Nickodemus Blue Planet, Talvin Singh, Eric Serra,
Kreidler James Newton Howard, Crag Armostrong,
Burkhard Dallwitz, David Lowe e Badmarsh & Shri

danzatori
CRISTIANO FAGIOLI, CRISTINA LEDRI
CINZIA AGOSTINI, VERONIQUE DELAPEYRONNIE,
RICCARDO ORLANDO, MARION METAIS


coreografo
Cristiano Fagioli

assistente coreografo Cristina Ledri
costumi Silvana Falasconi e Cristina Ledri
luci Enrico Berardi e Nicolò Pozzerle


Abyss
sculture viventi
ingranaggi di corpi
fascino delle sonoritÓ
atmosfere incantevoli
continue ricerche di un'estetica affascinante

Luci. Corpi che si muovono creando mandala in continua vibrazione. Metamorfosi virtuali. Misticismo. Poesia. Flussi ininterrotti di danza. Il nuovo spettacolo, Abyss, nasce dall'idea di ricreare un fondale marino dove si incontrano misteriose e affascinanti creature: rappresentazioni di forme di vita fantastiche dalla luminescenza surreale, sculture viventi che evocano Rodin e riemergono dalle profonditÓ per raccontare una storia naif sull'acqua e sulle sue creature. Ma lo spettacolo rimanda anche alle immagini futuriste che caratterizzano le coregrafie della compagnia, alle scomposizioni di immagini e movimenti. E alle velocitÓ iridescenti dei nostri Balla, Boccioni, Severini e Depero, con la rappresentazione di strutture fantastiche e architetture di gesti che si sincronizzano in una danza sempre misteriosa e suggestiva. Attraverso una carica musicale fortemente ipnotica i danzatori immergono il pubblico nella sensazione di partecipare a una grande energia positiva. E attraverso la purezza e la linearitÓ che animano la coreografia compongono ingranaggi di corpi che si rincorrono, si separano e si uniscono in forme diverse, riportando la danza allo stile delle avanguardie del nostro tempo, che per˛ conserva nella RBR Dance Company una forte connotazione immaginifica ed estetica, non lontana dalle pi¨ moderne tendenze new age. Un vortice di vitalitÓ dalle atmosfere a tratti esotiche che guarda con semplicitÓ e fantasia a uno dei nostri grandi archetipi.